Introduzione Le carenze nutrizionali Gli insetti parassiti Le malattie fungine Altre problematiche Calendario lunare Glossario
Alternaria
Bolla del pesco
Botrite
Cancri rameali
Carie del legno
Corineo
Fumaggini
Fusariosi
Mal secco
Marciumi
Marsonnina
Monilia
Occhio pavone
Oidio
Peronospora
Ruggine
Septoriosi
Ticchiolatura

Cancri rameali (Nectria galligena ed altri agenti patogeni)

Con questo termine si intendono le lesioni
generalmente di forma ovale, di colore scuro e leggermente depresse provocate da funghi che attaccano prevalentemente specie arboree provocando gravi danni a livello degli organi legnosi. I rami colpiti tendono a fessurarsi e a squamarsi, manifestando anche un’abbondante produzione di gomma nelle drupacee e di resina nelle conifere.

Piante colpite: Alberi da frutto, in modo particolare melo, pero, castagno, fico, ornamentali, pioppo, faggio, cipresso, biancospino e gelso.

Danni causati: In linea generale si assiste ad un deperimento della pianta con comparsa di numerose foglie secche. Con l’estendersi della malattia fungina può venire interessata l’intera circonferenza del fusto o del ramo interessato, impedendo il normale trasporto dell’acqua, con conseguente disseccamento della pianta.

Cura: Intervenire alla comparsa dei sintomi con RAMET 13 (FUN 2).

 

<>---Official WebSite - Design By Studio 45---<>