Conoscere la frutta

Conoscere la verdura

 Alloro

 Asparago

 Barbabietola

 Basilico

 Bietola

 Broccolo

 Carciofo

 Cardo

 Carota

 Castagna

 Catalogna o Cicoria

 Cavolfiore

 Cavolo di Bruxelles

 Cavolo Cappuccio

 Cavolo Verza

 Cetriolo

 Ciliegia

 Cima di Rapa

 Cipolla

 Cipollotto

 Crescione

 Erba Cipollina

 Fagiolino

 Fagiolo

 Fava

 Finocchio

 Fiore di  Zucca

 Fragola

Fungo

 Fungo Chiodino o Pioppino

 Indivia Riccia

 Indivia Scarola

 Lattuga

 Lattuga Brasiliana

Lattuga a Cappuccio

 Lattuga Romana

 Lattughino da taglio

Mais dolce

 Melanzana

 Melone

 Patata

 Patata dolce

 Peperone

 Pisello

 Pomodoro

 Porro

 Radicchio di Castelfranco

 Radicchio di Treviso

 Radicchio Rosso di Chioggia

 Radicchio Rosso di Verona

 Radicchio Variegato di Castelfranco

 Radicchio Variegato di Lusia

 Ravanello

 Rosmarino

 Rucola

 Scarola

 Sedano

 Songino o Valeriana

 Spinacio

 Tarassaco o Dente di Leone

 Tartufo

 Topinambur

 Valeriana o Songino

 Zucca

Zucchina

 

 
ASPARAGO
 
Descrizione: Appartenente alla famiglia dei gigli e dei mughetti, la cui pianta erbacea (Asparagus officinalis), ha un'unica parte commestibile: i germogli; se ne contano almeno 20 specie, ma sembra ne esistano addirittura 100. La pianta è composta da una parte aerea, con foglioline leggere, piccoli fiori giallini e bacche rosse, e una parte sotterranea formata dai germogli o turioni, che spuntano alla base dei rizomi legnosi, chiamati zampe. Coltivare questo ortaggio è un'arte che richiede tempo, pazienza e un terreno con caratteristiche ben precise: il terreno deve infatti essere aperto, ma riparato dal vento, eventualmente mescolato con sabbia o torba. La coltivazione di per sè non è delle più semplici: se si parte dal seme, bisogna attendere da 1 a 2 anni perchè si formino i rizomi e altri 2 prima di poter iniziare a raccogliere i germogli che spuntano (durante questo lasso di tempo, il terreno non può essere adibito a nessun'altra coltura). Altri problemi sorgono al momento della raccolta, che per la conformazione della pianta, non può essere eseguita con macchinari, ma esclusivamente a mano con uno speciale coltellino. Tutti questi aspetti tecnici, spiegano quindi il perchè degli elevati prezzi a cui vengono venduti gli asparagi. Un tempo l'asparago era tipico del mese di Maggio, ma con l'importazione è praticamente possibile trovarlo tutto l'anno. Resta comunque il fattore scelta; indifferentemente dal tipo acquistato, l'asparago deve presentarsi con il gambo diritto, senza tagli o macchie e con la punta ben chiusa. Quest'ultima è sinonimo di freschezza; infatti più passa il tempo e più la punta tende ad allargarsi. I turioni, se spezzati, devono rompersi con un rumore secco e non piegarsi. Una volta nel cassetto del frigorifero, avvolto in un sacchetto di carta, dopo aver controllato che le punte siano asciutte, si conserva per 2 o 3 giorni. Se l'asparago ha un aspetto un po' sciupato, può essere ravvivato immergendolo in un dito di acqua fredda. Previa pulitura e sbollentatura di 2 minuti, può anche essere surgelato; l'asparago in questo caso dopo la sbollentatura e il raffreddamento, deve essere asciugato e congelato su fogli di alluminio, lasciando che si congeli del tutto prima di chiudere il pacchetto, così che manterrà a lungo la sua consistenza.
 
Utilizzo in cucina - La punta dell'asparago è certamente la parte con minore scarto e la più buona da mangiare; va invece eliminata una parte del gambo e sbucciata la rimanente. Per questa operazione ci si serve di un coltellino o, meglio ancora, di un pelapatate; stendendo l'asparago sul tavolo, per evitare di romperlo, si procede dalla punta fino alla fine del gambo, girando tutto in torno all'asparago. L'operazione successiva dipende molto dal metodo di cottura che si vuole utlizzare. Si può, per esempio, saltare con del burro, quindi in questo caso verrà asportato completamente il gambo; allo stesso modo si procede se l'asparago andrà mangiato crudo. Andrà invece legati in mazzetti con del filo bianco da cucina, se dovrà essere lessato; il metodo migliore di cottura rimane comunque quello a vapore che mantiene brillante il colore e inalterato il sapore. La cottura non deve mai essere prolungata, perchè comunque sia, l'asparago una volta scolato continua a cuocere, senza contare che una lunga cottura non farebbe altro che impoverire l'ortaggio dei suoi contenuti preziosi. Di norma, la cottura dell'asparago richiede da 10 ai 15 minuti, a seconda della grandezza; dai 2 ai 5 minuti se si utilizza una pentola a pressione. Lessato, è ottimo condito con burro fuso e parmigiano, o accompagnato da salse calde. Freddo è ottimo con maionese, o salse fredde a base di uova; si può condire semplicemente con olio e limone. Da solo o con altre verdure costituiscono una ottima base per risotti o quiche.
 
ASPARAGO
Probabilmente originari della Mesopotamia, come dimostrerebbe anche il loro nome secondo alcuni, di origine iraniana, gli asparagi appartengono alla famiglia dei gigli e dei mughetti. La pianta è erbacea. La parte aerea che li costituisce è formata da foglioline leggere, piccoli fiori di colore giallo e bacche di colore rosso.
La parte commestibile è costituita dai giovani germogli o turioni, che spuntano alla base dei rizomi legnosi, denominati zampe. Sono di forma allungata, consistenza carnosa e sapore piuttosto delicato.
 
Varietà:
di Bassano e di Cesena caratterizzati da turioni bianchi;
i Mary Washington caratterizzati da turioni verdi;
gli Argenteuil e i Napoletani, caratterizzati da turioni violetti.
 
Quando l'acquistate ...:
controllate i germogli che devono risultare freschi e in buone condizioni, cioè dritti, sodi ed integri, privi di ammaccature.
 
Fate attenzione:
al gambo che deve essere poco legnoso e verificate che gli asparagi che compongono il mazzetto siano della stessa lunghezza.
 
Conservazione:
in frigorifero, nel cassetto della verdura, avvolti in un panno umido, possono resistere per 4 giorni. In alternativa potete immergere i gambi degli asparagi nell'acqua fredda e conservarli per 24 ore, fuori dal frigorifero.
 
Proprietà:
gli asparagi contengono poche calorie, per questo sono particolarmente indicati nelle diete dimagranti. Hanno proprietà depurative, ma sono anche ricchi di acido urico, per cui è sconsigliato il consumo a coloro che soffrono di cistite, gotta e infiammazioni ai reni. Per finire hanno un alto contenuto di calcio, fosforo e potassio.
 
Come trattarlo:
le punte degli asparagi o turioni, sono decisamente la parte migliore e priva di scarto.
Dal gambo va eleminata la parte finale molto fibrosa, poi con l'aiuto di un coltellino ben affilato o dell'apposita mandolina, si procede in questo modo: poggiate gli asparagi su un tagliere per evitare che si spezzino, e sbucciate il gambo procedendo dalla punta verso la fine, per eliminare la parte filamentosa, poi raccogliete i germogli a mazzetti e legateli con del filo bianco da cucina.
Legare gli asparagi equivale a facilitare l'eliminazione dell'acqua durante le operazioni di scolatura.
 

<>----Official WebSite - Design By  Studio 45----<>