Conoscere la frutta

Conoscere la verdura

 Alloro

 Asparago

 Barbabietola

 Basilico

 Bietola

 Broccolo

 Carciofo

 Cardo

 Carota

 Castagna

 Catalogna o Cicoria

 Cavolfiore

 Cavolo di Bruxelles

 Cavolo Cappuccio

 Cavolo Verza

 Cetriolo

 Ciliegia

 Cima di Rapa

 Cipolla

 Cipollotto

 Crescione

 Erba Cipollina

 Fagiolino

 Fagiolo

 Fava

 Finocchio

 Fiore di  Zucca

 Fragola

Fungo

 Fungo Chiodino o Pioppino

 Indivia Riccia

 Indivia Scarola

 Lattuga

 Lattuga Brasiliana

Lattuga a Cappuccio

 Lattuga Romana

 Lattughino da taglio

Mais dolce

 Melanzana

 Melone

 Patata

 Patata dolce

 Peperone

 Pisello

 Pomodoro

 Porro

 Radicchio di Castelfranco

 Radicchio di Treviso

 Radicchio Rosso di Chioggia

 Radicchio Rosso di Verona

 Radicchio Variegato di Castelfranco

 Radicchio Variegato di Lusia

 Ravanello

 Rosmarino

 Rucola

 Scarola

 Sedano

 Songino o Valeriana

 Spinacio

 Tarassaco o Dente di Leone

 Tartufo

 Topinambur

 Valeriana o Songino

 Zucca

Zucchina

 

 
CATALOGNA O CICORIA  
      
Ŕ un tipo di verdura piuttosto amara, che appartiene alla famiglia delle cicorie. Viene chiamata anche "cicoria asparago" per la sua forma eretta.
 
VarietÓ:
 
quella a foglie verdi e frastagliate, che va cotta;
 
quella a costa larga e bianca o a puntarelle, i cui germogli che vanno formandosi nella parte interna del cespo si mangiano crudi, accompagnati dalla salsa tipica con cui si gustano le puntarelle.
 
 
Quando li acquistate ...:
accertatevi che le foglie siano intere e di colore verde intenso. Controllate anche il fusto che deve essere chiuso e turgido.
 
Fate attenzione:
se notate fusti raggrinziti, parti gialle e bordi tagliati, vuol dire che la cicoria non Ŕ fresca.
 
Conservazione:
potete conservare le foglie nel frigo per 2-3 giorni chiuse in un sacchetto di plastica. Questa regola vale un po' per tutti i vegetali, soprattutto per quelli a foglia, in quanto il loro invecchiamento determina una perdita di vitamine.
 
ProprietÓ:
la catalogna ha un discreto quantitativo di fosforo, calcio e vitamina A; non ha molte calorie ed Ŕ invece ricca di sali minerali. Grazie al suo sapore amaro stimola le secrezioni digestive ed ha proprietÓ diuretiche e lassative.
 
Controindicazioni:
Ŕ preferibile, per chi soffre di calcolosi ossalatica, evitarne il consumo.
 
Come trattarla:
pulitela utilizzando un coltellino con cui tagliare la base del cespo ed eliminare le foglie rovinate e le punte pi¨ dure. Prendete i germogli che si formano nella parte interna del cespo, tagliateli a bastoncini ed immergeteli in acqua fredda per arricciarli. Sono molto gustosi in pinzimonio arricchito da un trito di aglio e acciughe.

 

 

 

<>----Official WebSite - Design By  Studio 45----<>