Conoscere la frutta

Conoscere la verdura

 Alloro

 Asparago

 Barbabietola

 Basilico

 Bietola

 Broccolo

 Carciofo

 Cardo

 Carota

 Castagna

 Catalogna o Cicoria

 Cavolfiore

 Cavolo di Bruxelles

 Cavolo Cappuccio

 Cavolo Verza

 Cetriolo

 Ciliegia

 Cima di Rapa

 Cipolla

 Cipollotto

 Crescione

 Erba Cipollina

 Fagiolino

 Fagiolo

 Fava

 Finocchio

 Fiore di  Zucca

 Fragola

Fungo

 Fungo Chiodino o Pioppino

 Indivia Riccia

 Indivia Scarola

 Lattuga

 Lattuga Brasiliana

Lattuga a Cappuccio

 Lattuga Romana

 Lattughino da taglio

Mais dolce

 Melanzana

 Melone

 Patata

 Patata dolce

 Peperone

 Pisello

 Pomodoro

 Porro

 Radicchio di Castelfranco

 Radicchio di Treviso

 Radicchio Rosso di Chioggia

 Radicchio Rosso di Verona

 Radicchio Variegato di Castelfranco

 Radicchio Variegato di Lusia

 Ravanello

 Rosmarino

 Rucola

 Scarola

 Sedano

 Songino o Valeriana

 Spinacio

 Tarassaco o Dente di Leone

 Tartufo

 Topinambur

 Valeriana o Songino

 Zucca

Zucchina

 

 
CAVOLI DI BRUXELLES
 
Descrizione: Questa varietà di cavolini sembrano dei cavolini in miniatura, in realtà altro non sono che i germogli del cavolo di Bruxelles. La pianta che li produce è alta circa mezzo metro; all'apice del fusto si forma un ciuffo di foglie commestibili. Tuttavia, la parte più utilizzata della pianta sono i germogli che si formano immediatamente sotto queste foglie. Il periodo migliore per l'acquisto è il periodo invernale, quando raggiungono l'apice della loro qualità; tuttavia si possono trovare in commercio anche durante il resto dell'anno, poichè la maturazione dei germogli del cavolo di Bruxelles avviene in modo scalare (non maturano tutti assieme). Al momento dell'acquisto i cavolini debbono essere di colore verde chiaro, sodi e compatti, senza foglie ingiallite. Quest'ultime sono un'ottima spia di qualità; infatti le foglie ingiallite stanno ad indicare che i cavolini hanno superato da tempo il loro stadio di maturazione completa. Allo stesso modo l'odore non deve essere forte e penetrante, ma delicato. Andrebbero consumati appena comprati, tuttavia resistono in frigorifero per 4 - 5 giorni. Previa scottatura si possono anche surgelare.
 
Utilizzo in cucina: Si utilizza solo cotto. Lessati possono essere serviti al naturale, ripassati al burro o gratinati con salsa besciamella, o anche tuffare in padella e friggere. Per la preparazione, se si raccolgono direttamente nell'orto è facile che tra le foglie compatte si annidi qualche insetto. In tal caso conviene cospargere i cavolini di sale e lasciarli riposare per 10 minuti. Si potrà quindi sciaquarli e togliere un pezzetto di torsolo e qualche foglia sciupata. Per la cottura è necessaria una prelessatura, operazione delicata che bisogna effettuare a regola d'arte se si vuole evitare che i cavolini prendano un sapore amarognolo. Bisogna quindi tuffarli in abbondante acqua salata, in ebollizione, e a pentola scoperta. Dopo circa 10 minuti si scolano immediatamente: se restano immersi nell'acqua, acquisteranno quel sapore amarognolo.

 

 

 

 

<>----Official WebSite - Design By  Studio 45----<>