Conoscere la frutta

Conoscere la verdura

 Alloro

 Asparago

 Barbabietola

 Basilico

 Bietola

 Broccolo

 Carciofo

 Cardo

 Carota

 Castagna

 Catalogna o Cicoria

 Cavolfiore

 Cavolo di Bruxelles

 Cavolo Cappuccio

 Cavolo Verza

 Cetriolo

 Ciliegia

 Cima di Rapa

 Cipolla

 Cipollotto

 Crescione

 Erba Cipollina

 Fagiolino

 Fagiolo

 Fava

 Finocchio

 Fiore di  Zucca

 Fragola

Fungo

 Fungo Chiodino o Pioppino

 Indivia Riccia

 Indivia Scarola

 Lattuga

 Lattuga Brasiliana

Lattuga a Cappuccio

 Lattuga Romana

 Lattughino da taglio

Mais dolce

 Melanzana

 Melone

 Patata

 Patata dolce

 Peperone

 Pisello

 Pomodoro

 Porro

 Radicchio di Castelfranco

 Radicchio di Treviso

 Radicchio Rosso di Chioggia

 Radicchio Rosso di Verona

 Radicchio Variegato di Castelfranco

 Radicchio Variegato di Lusia

 Ravanello

 Rosmarino

 Rucola

 Scarola

 Sedano

 Songino o Valeriana

 Spinacio

 Tarassaco o Dente di Leone

 Tartufo

 Topinambur

 Valeriana o Songino

 Zucca

Zucchina

 

 
CIPOLLA
 
 Descrizione e Caratteristiche: Bulbo appartenente alla famiglia delle Liliacee. Di forma generalmente sferica, caratterizzata da foglie carnose, sovrapposte e ricoperte esternamente da squame secche e membranose di colore bianco argenteo, giallastro, ramato o violaceo. Come l'aglio, la cipolla é un pilastro della cucina italiana. Conferisce ai cibi a cui si aggiunge una gradevole dolcezza. Esistono quattro varietà di cipolla:
 Cipolla Bianca: cipolla estiva, dal gusto dolce;
 Cipolle Bionde: cipolla autunnale, dal gusto più pronunciato;
 Cipollotti: cipolle bianche raccolte quando il bulbo è ancora immaturo;
 Cipolla Rossa: cipolla invernale, dal gusto forte;
Variano molto anche le forme: vi sono cipolle sferiche, piatte o a fuso; allo stesso modo variano anche le dimensioni. A titolo di esempio vengono riportate alcune varietà di cipolle attualmente in commercio.
 Cipolla Barletta: piccola e bianca; si raccoglie a marzo. E' la tipica cipolla da fare sott'aceto.
 Cipolla Bianca della regina: tra le prime della stagione. E' piuttosto versatile in cucina.
 Cipolla Verdina di Firenze: ha una caratteristica forma a trottola e un gusto estremamente pronunciato. È ottima se mangiata fresca.
 Cipolla Argentea di Nocera:è una varietà abbastanza precoce con scarse doti di conservazione.
 Cipolla Italia bianca o di Tripoli: molto grossa, piatta e dal sapore dolce. È una cipolla tardiva.
 Cipolla Viola o Bruna della rocca: quasi rotonda, è adatta alla conservazione invernale. Ne esiste una varietà simile di color giallo bronzo.
 Cipolla Ramata di Parma o di Milano: ha bulbo piuttosto grande e globoso. È ideale per l'utilizzo invernale grazie alle sue doti di conservazione.
 Cipolla Bionda di Imola: ha un ciclo precoce e va consumata fresca.
La somma dei diversi periodi di approvvigionamento della cipolla fanno si che questa sia reperibile praticamente tutto l'anno. Per un buon uso è però necessario saperle riconoscere e scegliere a seconda del piatto che si sta preparando; in linea generale vanno acquistate cipolle ben sode e senza germogli verdi. Nel caso delle cipolline, accertarsi invece che siano molto bianche, sinonimo di freschezza. Ricca di acqua, contiene una discreta quantità di zuccheri, calcio, potassio e fosforo si conserva in luogo fresco e areato. Alternativamente, affettate o tritate, le cipolle si possono anche seccare in forno e surgelare in monoporzioni.
 
Utilizzo in cucina: Oltre a servire per soffritti e sughi, le cipolle sono la base di zuppe, frittate e tortini. La cipolla, più digeribile cruda piuttosto che cotta o soffritta, a patto che questa una volta affettata venga immersa in acqua e aceto per qualche ora, cambiando il liquido per 2 o 3 volte. In tema di immersioni e bagni, è possibile inibire le proprietà lacrimogene della cipolla, quando questa va affettata o tritata, tagliandola a metà e passando le parti sotto l'acqua fredda corrente.

 

 

 

 

<>----Official WebSite - Design By  Studio 45----<>