Conoscere la frutta

Conoscere la verdura

 Alloro

 Asparago

 Barbabietola

 Basilico

 Bietola

 Broccolo

 Carciofo

 Cardo

 Carota

 Castagna

 Catalogna o Cicoria

 Cavolfiore

 Cavolo di Bruxelles

 Cavolo Cappuccio

 Cavolo Verza

 Cetriolo

 Ciliegia

 Cima di Rapa

 Cipolla

 Cipollotto

 Crescione

 Erba Cipollina

 Fagiolino

 Fagiolo

 Fava

 Finocchio

 Fiore di  Zucca

 Fragola

Fungo

 Fungo Chiodino o Pioppino

 Indivia Riccia

 Indivia Scarola

 Lattuga

 Lattuga Brasiliana

Lattuga a Cappuccio

 Lattuga Romana

 Lattughino da taglio

Mais dolce

 Melanzana

 Melone

 Patata

 Patata dolce

 Peperone

 Pisello

 Pomodoro

 Porro

 Radicchio di Castelfranco

 Radicchio di Treviso

 Radicchio Rosso di Chioggia

 Radicchio Rosso di Verona

 Radicchio Variegato di Castelfranco

 Radicchio Variegato di Lusia

 Ravanello

 Rosmarino

 Rucola

 Scarola

 Sedano

 Songino o Valeriana

 Spinacio

 Tarassaco o Dente di Leone

 Tartufo

 Topinambur

 Valeriana o Songino

 Zucca

Zucchina

 

 
FUNGO CHIODINO O PIOPPINO  
 
Il chiodino o pioppino č un fungo che cresce ad esemplari numerosi su ceppi o tronchi di latifoglie e di vecchie conifere. E' un fungo dal sapore ottimo, aromatico, che annerisce un po' con la cottura.
 
Quando li acquistate ...:
prediligete gli esemplari piccoli con cappello chiuso e gambo tenero.
 
Fate attenzione:
a non acquistare esemplari troppo maturi e dal gambo grande, in quanto troppo coriacei quindi, indigesti.
 
Conservazione:
č un fungo piuttosto resistente quindi potete conservarlo in frigo in un sacchetto di carta, possibilmente pulito, ma non lavato, per 2-3 giorni. Altrimenti, se preferite, i chiodini o pioppini sono ottimi sott'olio, sott'aceto e sotto sale.
 
Come prepararli:
eliminate la base terrosa del gambo e la parte fibrosa agli esemplari pių grossi. Spazzolate il cappello con un pennello da cucina, ma se questo non fosse sufficiente ad eliminare completamente la terra, passateli molto rapidamente sotto l'acqua ed asciugateli subito con un telo o con carta assorbente da cucina. Sono ottima base per un gustoso sughetto, ma lasciate interi gli esemplari, in quanto con la cottura tendono a ridursi notevolmente.
 
Vi diamo un ulteriore suggerimento:
per pulire meglio il fungo e renderlo pių delicato, una volta trattato come abbiamo detto precedentemente, immergetelo per 2 minuti circa in acqua in ebollizione e poi levatelo con l'aiuto di una paletta da cucina forata, in modo che depositi sul fondo gli eventuali residui di terra, poi fatelo asciugare prima di cucinarlo.
 

<>----Official WebSite - Design By  Studio 45----<>