Conoscere la frutta

Conoscere la verdura

 Alloro

 Asparago

 Barbabietola

 Basilico

 Bietola

 Broccolo

 Carciofo

 Cardo

 Carota

 Castagna

 Catalogna o Cicoria

 Cavolfiore

 Cavolo di Bruxelles

 Cavolo Cappuccio

 Cavolo Verza

 Cetriolo

 Ciliegia

 Cima di Rapa

 Cipolla

 Cipollotto

 Crescione

 Erba Cipollina

 Fagiolino

 Fagiolo

 Fava

 Finocchio

 Fiore di  Zucca

 Fragola

Fungo

 Fungo Chiodino o Pioppino

 Indivia Riccia

 Indivia Scarola

 Lattuga

 Lattuga Brasiliana

Lattuga a Cappuccio

 Lattuga Romana

 Lattughino da taglio

Mais dolce

 Melanzana

 Melone

 Patata

 Patata dolce

 Peperone

 Pisello

 Pomodoro

 Porro

 Radicchio di Castelfranco

 Radicchio di Treviso

 Radicchio Rosso di Chioggia

 Radicchio Rosso di Verona

 Radicchio Variegato di Castelfranco

 Radicchio Variegato di Lusia

 Ravanello

 Rosmarino

 Rucola

 Scarola

 Sedano

 Songino o Valeriana

 Spinacio

 Tarassaco o Dente di Leone

 Tartufo

 Topinambur

 Valeriana o Songino

 Zucca

Zucchina

 

 
MELANZANA
 
 Descrizione: Pianta annuale appartenente alla famiglia delle Solanacee, di origine indiana. E' il tipico ortaggio dell'area mediterranea e della stagione calda; lo si trova infatti in tutte le cucine dei Paesi affacciati sul Mediterraneo. La sua pianta, dal fusto spinoso, ha attaccate delle minuscole foglie lobate e fiori violetti. Le bacche carnose possono essere di colore viola o bianco (quest'ultime sono meno comuni e hanno un sapore più delicato). È distinguibile per le sue forme caratteristiche, allungata, incurvata oppure rotonda. Ha superficie liscia o a costole. La polpa è un po’ fibrosa e verdiccia. Al momento dell'acquisto bisogna verificare che il picciolo sia stato tagliato da poco; la buccia deve poi apparire liscia e brillante, senza macchie, e la polpa deve essere compatta e priva di semi o quasi. La scelta del tipo di melanzana (lunga o rotonda) dipende dall'uso. Può rimanere in frigorifero al massimo 2 settimane. Opportunamente lavate, mondate e sbollentate, le melanzane possono anche essere surgelate a fette, separando i vari strati con della carta oleata. Il loro metodo di conservazione più classico resta comunque il sott'olio. Possono essere conservate anche in preparazioni pronte da cucinare, come la tipica parmigiana.
 
Utilizzo in cucina: Se freschissima, la melanzana può essere consumata anche cruda, previo taglio in dadolata e marinatura con olio e sale. Spesso però si cuoce. La preparazione prevede l'eliminazione del gambo e della corolla che tengono attaccato il frutto alla pianta, facendo attenzione alle spine. Il resto dipende dall'utilizzo a cui sono destinate. Se le melanzane vanno fritte o grigliate, occorre tagliarle a fette, salarle e lasciarle riposare così che le melanzane caccino l'acqua di vegetazione. Dopo 30 minuti, bisogna sciacquarle, strizzarle leggermente e tamponarle per bene. Si possono sbucciare parzialmente le melanzane, lasciando una striscia di buccia e una senza, dando così un piacevole effetto ottico. Se invece vanno stufate, l'operazione sopra descritta è superflua. I tempi di cottura dipendono dal metodo con cui le melanzane vengono cucinate: 10 minuti per le fette alla griglia, 1 ora per la melanzana intera al forno. Le melanzane si prestano ai più svariati utilizzi in cucina, a partire dagli antipasti, fino al contorno.
 
 
La melanzana appartiene alla famiglia delle Solanacee. E' un vegetale tipico della stagione calda e dell'area mediterranea; la sua provenienza, quasi certamente, è indiana.
Cresce su piante annuali, dal fusto un po' spinoso, con foglie lobate e piccoli fiori spinosi. Le bacche che produce, piuttosto carnose, hanno buccia lucente, viola o bianca, la superficie può essere liscia o a costole.
 
Varietà:
solitamente si distinguono in melanzane dalla forma allungata, come la Violetta di Napoli, caratterizzata da un sapore più piccante rispetto alle altre;
di forma rotonda, come la Violetta di Firenze;
di forma ovale, come la Black Beauty, con la buccia di un viola molto scuro;
la Larga Morada, di colore rosato e striature viola, dal gusto molto delicato.
 
 
Quando l'acquistate ...:
il picciolo deve essere ancora attaccato, risultare di colore verde senza parti secche, la buccia deve apparire priva di ammaccature o parti nere e ammuffite, la superficie liscia e tesa, la polpa deve essere soda.
La scelta del tipo di melanzana da acquistare dipende dall'uso che intendete farne un cucina.
Se volete un consiglio, non tassativo: le melanzane rotonde sono perfette se intendete cuocerle a fette, quelle allungate per dadolate o per farle ripiene.
 
Ricordate che ... :
la presenza di una pretuberanza alla base della melanzana, indica che la polpa è compatta e con pochi semi.
 
Conservazione:
in frigorifero, nel reparto delle verdure, si mantengono fresche per 4 giorni; è consigliabile non togliere il picciolo, in questo modo manterranno più a lungo la loro freschezza.
Possono essere congelate a fette, dopo essere state sbollentate, oppure conservate sott'olio sempre sbollentando le fette di melanzane, in acqua e aceto, messe ad asciugare e poste nei vasi con spicchi di aglio, pepe, origano e olio.
 
Proprietà:
poco caloriche, a patto che siano poco condite, ma piuttosto ricche di calcio, fosforo, vitamine A e C e potassio.
Stimolano l'attività dei reni, grazie al consistente contenuto di acqua.
Sembra che la buccia contenga sostanze che hanno effetti benefici sul fegato, sul pancreas e sull'intestino, oltre che utili per abbassare il colesterolo.
 
Inoltre:
la melanzana si ritiene utile come blando sedativo.
 

<>----Official WebSite - Design By  Studio 45----<>