Conoscere la frutta

Conoscere la verdura

 Alloro

 Asparago

 Barbabietola

 Basilico

 Bietola

 Broccolo

 Carciofo

 Cardo

 Carota

 Castagna

 Catalogna o Cicoria

 Cavolfiore

 Cavolo di Bruxelles

 Cavolo Cappuccio

 Cavolo Verza

 Cetriolo

 Ciliegia

 Cima di Rapa

 Cipolla

 Cipollotto

 Crescione

 Erba Cipollina

 Fagiolino

 Fagiolo

 Fava

 Finocchio

 Fiore di  Zucca

 Fragola

Fungo

 Fungo Chiodino o Pioppino

 Indivia Riccia

 Indivia Scarola

 Lattuga

 Lattuga Brasiliana

Lattuga a Cappuccio

 Lattuga Romana

 Lattughino da taglio

Mais dolce

 Melanzana

 Melone

 Patata

 Patata dolce

 Peperone

 Pisello

 Pomodoro

 Porro

 Radicchio di Castelfranco

 Radicchio di Treviso

 Radicchio Rosso di Chioggia

 Radicchio Rosso di Verona

 Radicchio Variegato di Castelfranco

 Radicchio Variegato di Lusia

 Ravanello

 Rosmarino

 Rucola

 Scarola

 Sedano

 Songino o Valeriana

 Spinacio

 Tarassaco o Dente di Leone

 Tartufo

 Topinambur

 Valeriana o Songino

 Zucca

Zucchina

 

 
RUCOLA O RUGHETTA
 
 Descrizione: Pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Crucifere, la stessa dei cavoli. Spontanea in tutte le regioni del centro-sud, è oggi ampiamente coltivata. Le foglie, dal caratteristico gusto piccante simile a quello della senape, si utilizzano crude e, più raramente, cotte. La rucola selvatica si distingue da quella coltivata per il sapore più intenso e aromatico. In realtà si tratta di due specie botanicamente diverse, ma simili per la forma delle foglie. La rucola, in genere, viene venduta a mazzetti legati, che dovrebbero garantire l'assenza di foglie estranee. Un mazzetto è sufficiente per insaporire un'insalata mista. Nell'acquistarla si deve controllare che non vi siano foglie ingiallite o avvizzite; il tempo di conservazione, che è di 2 o 3 giorni.
 
Utilizzo in cucina: In genere, la rucola si mangia cruda, da sola o mescolata con altre verdure. Come per qualsiasi altro tipo di insalata, la rucola va mondata, lavata e asciugata bene. Se la si usa per insaporire un'insalata, converrà romperne le foglie o tagliarle a listarelle perché si distribuisca meglio. Si può anche lessare o cuocere a vapore. Se è necessario cuocerla, saranno sufficienti pochi minuti come per la valerianella.
 

<>----Official WebSite - Design By  Studio 45----<>