Conoscere la frutta

Conoscere la verdura

 Alloro

 Asparago

 Barbabietola

 Basilico

 Bietola

 Broccolo

 Carciofo

 Cardo

 Carota

 Castagna

 Catalogna o Cicoria

 Cavolfiore

 Cavolo di Bruxelles

 Cavolo Cappuccio

 Cavolo Verza

 Cetriolo

 Ciliegia

 Cima di Rapa

 Cipolla

 Cipollotto

 Crescione

 Erba Cipollina

 Fagiolino

 Fagiolo

 Fava

 Finocchio

 Fiore di  Zucca

 Fragola

Fungo

 Fungo Chiodino o Pioppino

 Indivia Riccia

 Indivia Scarola

 Lattuga

 Lattuga Brasiliana

Lattuga a Cappuccio

 Lattuga Romana

 Lattughino da taglio

Mais dolce

 Melanzana

 Melone

 Patata

 Patata dolce

 Peperone

 Pisello

 Pomodoro

 Porro

 Radicchio di Castelfranco

 Radicchio di Treviso

 Radicchio Rosso di Chioggia

 Radicchio Rosso di Verona

 Radicchio Variegato di Castelfranco

 Radicchio Variegato di Lusia

 Ravanello

 Rosmarino

 Rucola

 Scarola

 Sedano

 Songino o Valeriana

 Spinacio

 Tarassaco o Dente di Leone

 Tartufo

 Topinambur

 Valeriana o Songino

 Zucca

Zucchina

 

 
SPINACIO
 
caratterizzati da foglie di colore verde scuro, riunite tra loro in cespi, provvisti di radice alla base.
 
Varietà:
 
il tipo gigante d'inverno, caratterizzato da foglie grandi e crespe;
 
il tipo viroflay, caratterizzato da un cespo grosso;
 
il tipo riccio di Castelnuovo, che ha foglie tonde e spesse;
 
il tipo merlo nero, che ha foglie non troppo grandi ed arricciate.
 
Quando li acquistate ...:
accertatevi che le foglie siano verdi ed il loro colore uniforme, che non abbiamo parti scure, ingiallite od appassite, e che i gambi siano forti ed integri.
 
Fate attenzione:
in caso gli spinaci abbiano lo stelo fiorito ed i cespi siano pieni di terra, non acquistateli perché la produzione è scadente.
 
Conservazione:
potete conservarli in frigo per 2-3 giorni chiusi in sacchetti di plastica, dopo averli accuratamente lavati ed asciugati; se volete congelarli fatelo dopo averli lessati e accuratamente strizzati. Ma ricordate, che in ogni caso è bene consumare subito gli spinaci, soprattutto una volta cotti, a causa delle trasformazioni che i nitriti contenuti nei concimi chimici a cui vengono sottoposti subiscono, e che in alcuni casi provocano crisi respiratorie o cefalee.
 
Proprietà:
gli spinaci hanno un'azione lassativa, sono ricchi di minerali e sono da stimolo per l'attività del cuore e del pancreas. Particolarmente indicati in caso di debolezza ed anemia.
 
Controindicazioni:
come abbiamo già detto, gli spinaci sono ricchi di minerali, è per questo motivo che non è consigliato il consumo a quelle persone che soffrono di calcoli renali, dal momento che, rilasciando grosse quantità di liquidi, appesantiscono molto la funzione renale.
 
Come trattarli:
prendete i mazzetti di spinaci ed eliminate le foglie eventualmente ingiallite, dopo di ché, aiutandovi con un coltellino separate le foglie dalla base. Mettete tutte in abbondante acqua fredda e lasciatele a bagno per 15 minuti circa, poi cambiate l'acqua e schiacquate altre due volte.
Per lessarli utilizzate l'acqua dell'ultimo rischiacquo.
SPINACIO
 
 Descrizione: Appartengono alla famiglia delle Chenopodiacee. Caratterizzati da foglie piccole di color verde scuro, crenate e raccolte in piccoli cespi. E' consigliabile non conservarli, ma consumarli freschissimi. Comunque, opportunamente lavati, mondati, asciugati bene vi è la possibilità di conservarli in un luogo fresco, riposti in sacchetti di plastica. Assolutamente da evitare, invece, la conservazione degli spinaci una volta cotti cotti.
 
Utilizzo in cucina: Gli spinaci freschissimi possono essere consumati crudi, tagliati a listarelle e mescolati ad altre verdure, ma sono certamente più versatili una volta cotti, in quanto possono costituire ingrediente per altre preparazioni o anche da soli, ad esempio saltati al burro. Prima dela preparazione si deve provvedere ad un accurato lavaggio. Gli spinaci infatti, crescendo al livello della terra, raccolgono tra le foglie molte impurità eliminabili solotanto lavando accuratamente la pianta. Per la lessatura, è sufficiente utilizzare l'acqua dell'ultimo risciacquo; così facendo si perde pochissimo delle sostanze nutrienti contenute negli spinaci. La lessatura degli spinaci richiede dagli 8 ai 15 minuti, 3 o 4 minuti in pentola a pressione.
 

<>----Official WebSite - Design By  Studio 45----<>