MAGGIORANA

Origanum Majorana

Caratteristiche

Pianta appartenente alla famiglia delle Labiate, può essere considerata un tipo di origano domestico, in quanto difficilmente si propaga in modo spontaneo.

Origine

Paesi del Mediterraneo orientale e regioni dell'Asia Minore.

Provenienza

La Turchia e l'Egitto sono i maggiori coltivatori di maggiorana, che esportano in tutto il mondo.

Usi gastronomici

La maggiorana si usa in vari piatti a base di carne di vitello, agnello e coniglio, nelle zuppe e minestroni di verdura, in insalate miste, salse e marinate.

Notizie e curiosità

La maggiorana chiamata anche "Erba Persia" con riferimento all'origine della pianta, è molto simile all'origano, ma il suo profumo è più delicato e meno aggressivo: coltivata con apposite attenzioni, spesso fa bella mostrai sé nei vasi su balconi e terrazze. Fino dai tempi dei Greci e dei Romani la maggiorana era considerata la pianta della femminilità, in quanto simbolo di delicatezza ed armonia. Entrata molto presto nell'uso gastronomico, la maggiorana fu subito coltivata in prossimità delle case, per poter essere sempre "a portata di mano". Plinio la decantò quale rimedio contro la crisi di nervi, e molti secoli più tardi il botanico inglese John Gerard ne consigliò l'uso sotto forma di tisana.

Ricette

CASSERUOLA ALL'ORTOLANA
Ingredienti:
Fesa o petto di tacchino 600 g
3 carote
1 cipolla
3 zucchine
Pomodori pelati o passata 400 g
Maggiorana e timo
Vino bianco secco
Olio d'oliva
Sale e pepe
 
Preparazione: Pulite bene le verdure; tagliate la cipolla a fettine, le carote e le zucchine a cubetti. Fatele appassire dolcemente in una casseruola munita di coperchio con 5-6 cucchiai d'olio. Frattanto tagliate il tacchino a bocconcini. Dopo 5-6 minuti aggiungete alle verdure in casseruola e fate rosolare vivacemente, a recipiente scoperchiato, dosando sale e pepe a vostro piacimento. Versate dentro la casseruola mezzo bicchiere di vino, mescolate e fatelo evaporare. Aggiungete a questo punto i pomodori sminuzzati, tornate a coprire la casseruola e cuocete per mezz'ora circa. Spegnete, spolverate la pietanza con maggiorana e un pizzico di timo, mescolate e servite.

POLLO ALLA DIAVOLA
Ingredienti:
1 pollo di 1,2 kg circa
1 mazzetto di salvia
Rosmarino
Maggiorana
Timo
1 limone
Olio d'oliva
Sale e pepe
 

Preparazione: il pollo deve essere accuratamente pulito, fiammeggiato e lavato. Dopo queste operazioni preliminari, apritelo tagliando lungo lo sterno: poi schiacciatelo, cospargendolo internamente con sale, pepe, maggiorana e timo tritati fini e con le altre erbe aromatiche, anch'esse finemente tritate. Lasciate riposare quindici minuti prima di iniziare la cottura. Cuocete poi il pollo sulla brace infuocata(o su una gratella di ghisa) un quarto d'ora per parte, ungendolo con un pennello intriso d'olio e di limone. Servitelo caldo, accompagnato, ad esempio, da tante patate fritte. Per rebdere questo piatto ancora più appetitoso, vi consigliamo di accompagnare il pollo con una salsa speciale. Tritate finemente in una ciotolina mezzo peperone, una costa di sedano, mezza cipolla ed un ciuffetto di prezzemolo. Condite le verdure così tritate con due cucchiai d'aceto e due d'olio, aggiungendo sale e pepe a vostro gradimento. Se vi piace amalgamante mezzo bicchierino di yogurt naturale. Rimescolate e portate in tavola, lasciando che ogni commensale si serva da sé. Altrimenti per dare al piatto un gusto ancora più "aggressivo", mescolate dentro una ciotolina 4-5 cucchiai d'olio con 2-3 cucchiai di ketchup, unite il succo di un limone ed un robusto pizzico di pepe. Marinate il pollo per circa due ore nel condimento così preparato, prima di spolverarlo di maggiorana e delle altre spezie, quindi cuocetelo spennellandolo di tanto in tanto con la marinata.