TIMO

Thymus Vulgaris

Caratteristiche

Appartiene alla famiglia delle labiate. Pianta cespugliosa che produce piccole foglie verdi di forma arrotondata. Anche i fiori sono di piccole proporzioni, di colore rosa e molto profumati.

Origine

Il timo nasce nei paesi del Mediterraneo orientale: la pianta, comunque, ha origini tipicamente silvestri. Si conoscono vari tipi di timo.

Provenienza

L'Italia produce questa pianta aromatica, che cresce facilmente nel clima temperato. Le maggiori quantità vengono importate da Turchia, Albania e Marocco.

Usi gastronomici

Il suo aroma particolare insaporisce stufati, marinate e zuppe. Essendo una pianta selvatica, bene si accoppia a piatti di cacciagione.

Notizie e curiosità

Nell'antica Grecia l'olio di timo serviva come anestetico, soprattutto per curare le bruciature, mentre la pianta era simbolo di coraggio: i guerrieri per acquistare ardimento prima di andare in battaglia, usavano immergere armi ed indumenti in acqua marina nella quale erano state bollite foglie di timo. A Roma i rami di timo venivano bruciati al cospetto della statua di Marte, perchè il dio, inebriandosi del profumo delle resine, infondesse coraggio nei combattenti. Come in altri casi, fu il romano Apicio ad avviare il timo all'arte della cucina. Oggi il timo si può coltivare nei vasi in giardino, dove, oltre a profumare ed adornare le aiuole, può essere raccolto per i nostri usi gastronomici.

Ricette

TACCHINO AL POMPELMO
Ingredienti per 4 persone
4 scaloppine di tacchino 500 g
Foglie di timo tritate
1 pompelmo rosa
Olio d'oliva, sale.
 
Preparazione: Questo è un piatto che, per la sua delicatezza, può proporsi sia come antipasto che come pietanza. Non c'è niente di meglio, del resto, che inaugurare un pranzo importante con un bianco boccone fragrante di timo, ingentilito dall'agro del pompelmo e dal suo colore rosa. In questo caso (se optate per l'antipasto) dovrete ridurre il peso del tacchino a 400 g e quindi tagliarlo a listarelle. Tritate fini le foglie di timo e passatevi le scaloppine di tacchino da ambo i lati, salando a piacere. Fatele dorare in padella con due cucchiai d'olio. Bagnate con il succo di pompelmo, coprite a lasciate cuocere a fuoco lento per un quarto d'ora, togliendo il coperchio negli ultimi 2-3 minuti. Servite le scaloppine cosparse di salsetta.

POLLO AROMATICO
Ingredienti per 6 persone:
1 pollo 1,8 Kg
4 teste d'aglio
2 coste di sedano
Timo
Salvi e rosmarino
Brodo di pollo
Pane integrale abbrustolito
Olio d'oliva
Sale e pepe:
 
Preparazione: Accendete il forno a 180 gradi centigradi. Salate, pepate e guarnite l'interno del pollo con metà esatta delle erbe aromatiche tritate (ossia due rametti di timo, uno di rosmarino, uno di salvia). Legate bene il pollo, ponetelo in una terrina, versateci sopra due cucchiai d'olio e l'altra metà delle erbe. Smontate ora le teste d'aglio, staccate gli spicchi senza spellarli, metteteli tutt'intorno al pollo assieme alle coste di sedano ridotte a fettine e conditeli con due cucchiai d'olio. Infornate e cuocete per un quarto d'ora: poi tirate fuori la pirofila, aggiungete mezzo bicchiere di brodo bollente e continuate la cottura per un'ora intera. Ogni tanto annaffiate il pollo con il sughino. Servitelo in tavola con alcune fette di pane tostato, su cui potrete spalmare sopra la polpa degli agli cotti nella loro "camicia".

MOSCARDINI ALLA LIGURE.
Ingredienti per 4 persone
Moscardini 800 g
24 olive verdi
1 spicchio d'aglio
1 cipolla novella
2 peperoncini rossi
Timo
Alloro
Brodo vegetale
Aceto di vino bianco
Olio d'oliva
Sale e pepe
 
Preparazione: Pulite i moscardini, scottateli un quarto d'ora nel brodo con un pò di sale e mezzo ramaiolo d'aceto, asciugateli e tagliateli a pezzetti. Tritate la cipolla con l'aglio e fatela appassire in una casseruola con cinque cucchiai d'olio, un rametto di timo tritato, una foglia d'alloro e i peperoncini: quando prende colore unite i moscardini e fate insaporire a fuoco lento. Aggiungete le olive senza nocciolo con sale e pepe, rimescolate a fate insaporire piano, versando un pò di brodo se necessario. Servite i moscardini tiepidi, con il loro sughetto, ed insalata verde. Provate anche conditi con un cucchiaio di pesto: deliziosi. Se volete conservare i moscardini, dopo aver aggiunto le olive e fatto insaporire cinque minuti, spegnete e fate freddare. Bollite un litro di aceto con alloro e timo. Distribuite i moscardini in vasetti ermetici e copriteli con aceto caldo: chiudete il tappo e riponeteli in luogo oscuro e fresco. Si conservano sino a cinque settimane.